Un ragazzo con un apparecchio acustico, abbracciando suo padre.

Indipendentemente dall’età del bambino, può sentirsi turbato o avere altre forti emozioni dopo un’emergenza. Alcuni bambini reagiscono subito, mentre altri possono mostrare segni di difficoltà molto più tardi. Come un bambino reagisce e i segni comuni di angoscia possono variare a seconda dell’età del bambino, esperienze precedenti, e come il bambino in genere affronta lo stress.

I bambini reagiscono, in parte, a ciò che vedono dagli adulti che li circondano. Quando i genitori e gli operatori sanitari affrontano un disastro con calma e sicurezza, possono fornire il miglior supporto per i loro figli. I genitori possono essere più rassicuranti per gli altri intorno a loro, specialmente i bambini, se sono meglio preparati.

Le persone possono diventare più angosciate se vedono immagini ripetute di un disastro nei media. Nella fase iniziale, considerare limitare la quantità di esposizione voi ei vostri cari arrivare alla copertura mediatica.

Fattori che influenzano l’impatto emotivo sui bambini in caso di emergenza

La quantità di danni causati da un disastro può essere schiacciante. La distruzione delle case e la separazione dalla scuola, dalla famiglia e dagli amici possono creare una grande quantità di stress e ansia per i bambini.

L’impatto emotivo di un’emergenza su un bambino dipende dalle caratteristiche e dalle esperienze di un bambino, dalle circostanze sociali ed economiche della famiglia e della comunità e dalla disponibilità di risorse locali. Non tutti i bambini rispondono allo stesso modo. Alcuni potrebbero avere reazioni più gravi e più durature. I seguenti fattori specifici possono influenzare la risposta emotiva di un bambino:

  • coinvolgimento Diretto con l’emergenza
  • Precedenti traumatici o stressanti eventi
  • Convinzione che il bambino o di una persona cara può morire
  • la Perdita di un membro della famiglia, amico, o pet
  • Separazione dei caregivers
  • lesioni
  • Come genitori e tutori rispondere
  • risorse Familiari
  • le Relazioni e la comunicazione tra i membri della famiglia
  • l’esposizione Ripetuta a copertura dei media di massa di emergenza e le conseguenze
  • Corso stress a causa del cambiamento nella routine familiare e le condizioni di vita
  • Culturale differenze
  • Community resilience

Cosa puoi fare per aiutare i bambini a far fronte a un disastro

Attività di colorazione per bambini's coloring activity

Questa è una pagina di attività per i bambini più piccoli per conoscere come affrontare dopo un disastro.
Scarica e stampa l’icona pdf del foglio attività

Dare il buon esempio ai tuoi figli gestendo lo stress attraverso scelte di vita sane, come mangiare sano, esercitare regolarmente, dormire a sufficienza ed evitare droghe e alcol, è fondamentale per genitori e operatori sanitari. Quando sei preparato, riposato e rilassato puoi rispondere meglio agli eventi imprevisti e prendere decisioni nel migliore interesse della tua famiglia e dei tuoi cari.

I seguenti suggerimenti possono aiutare a ridurre lo stress prima, durante e dopo un disastro o un evento traumatico.

Prima di
  • Parla con i tuoi figli in modo che sappiano che sei pronto a tenerli al sicuro.
  • Rivedere i piani di sicurezza prima di un disastro o di emergenza accade. Avere un piano aumenterà la fiducia dei tuoi figli e aiuterà a dare loro un senso di controllo.
Durante
  • Mantenere la calma e rassicurare i vostri bambini.
  • Parla ai bambini di ciò che sta accadendo in un modo che possano capire. Mantienilo semplice e appropriato per l’età di ogni bambino.
Dopo
  • Offri ai bambini l’opportunità di parlare di ciò che hanno passato o di cosa ne pensano. Incoraggiarli a condividere le preoccupazioni e fare domande.
  • Puoi aiutare i tuoi figli a provare un senso di controllo e a gestire i loro sentimenti incoraggiandoli ad agire direttamente in relazione al disastro. Ad esempio, i bambini possono aiutare gli altri dopo un disastro, incluso il volontariato per aiutare i membri della comunità o della famiglia in un ambiente sicuro. I bambini NON dovrebbero partecipare alle attività di pulizia dei disastri per motivi di salute e sicurezza.
  • È difficile prevedere come alcuni bambini risponderanno a disastri ed eventi traumatici. Poiché genitori, insegnanti e altri adulti vedono i bambini in situazioni diverse, è importante per loro lavorare insieme per condividere informazioni su come ogni bambino sta affrontando un evento traumatico.

Reazioni comuni

Le reazioni comuni all’angoscia svaniranno nel tempo per la maggior parte dei bambini. I bambini che sono stati direttamente esposti a un disastro possono diventare di nuovo sconvolti; il comportamento correlato all’evento può tornare se vedono o sentono ricordi di ciò che è accaduto. Se i bambini continuano ad essere molto turbati o se le loro reazioni feriscono i loro compiti scolastici o le loro relazioni, i genitori potrebbero voler parlare con un professionista o far parlare i loro figli con qualcuno specializzato in bisogni emotivi dei bambini. Ulteriori informazioni sulle reazioni comuni all’angoscia:

Per i bambini fino a 2 anni

I bambini possono diventare più irritabili. Possono piangere più del solito o vogliono essere tenuti e coccolati di più.

Per i bambini dai 3 ai 6 anni

I bambini in età prescolare e materna possono tornare a comportamenti che hanno superato. Ad esempio, incidenti di toilette, bagnare il letto o essere spaventati dall’essere separati dai loro genitori/caregiver. Essi possono anche avere capricci o un momento difficile dormire.

Per i bambini dai 7 ai 10 anni

I bambini più grandi possono sentirsi tristi, arrabbiati o temono che l’evento si ripeta. I coetanei possono condividere informazioni false; tuttavia, i genitori o gli operatori sanitari possono correggere la disinformazione. I bambini più grandi possono concentrarsi sui dettagli dell’evento e vogliono parlarne tutto il tempo o non vogliono parlarne affatto. Potrebbero avere problemi di concentrazione.

Per preadolescenti e adolescenti

Alcuni preadolescenti e adolescenti rispondono al trauma agendo fuori. Ciò potrebbe includere la guida sconsiderata e l’uso di alcol o droghe. Altri possono avere paura di uscire di casa. Essi possono ridurre su quanto tempo trascorrono con i loro amici. Possono sentirsi sopraffatti dalle loro intense emozioni e sentirsi incapaci di parlare di loro. Le loro emozioni possono portare ad un aumento litigare e persino combattere con fratelli, genitori/caregivers o altri adulti.

Per bisogni speciali bambini

I bambini che necessitano di un uso continuo di un respiratore o sono confinati su una sedia a rotelle o su un letto, possono avere reazioni più forti a un disastro minacciato o reale. Potrebbero avere angoscia, preoccupazione o rabbia più intensi rispetto ai bambini senza bisogni speciali perché hanno meno controllo sul benessere quotidiano rispetto ad altre persone. Lo stesso vale per i bambini con altre limitazioni fisiche, emotive o intellettuali. I bambini con bisogni speciali potrebbero aver bisogno di parole extra di rassicurazione, più spiegazioni sull’evento e più comfort e altri contatti fisici positivi come gli abbracci dei propri cari.

Risorse aggiuntive

Per ulteriori informazioni su come far fronte a un disastro, visitare il seguente:
  • Croce Rossa Americana: Recupero dopo un disastro o Emergencyexternal icon
  • Substance Abuse Mental Health Services Administration: Disaster Technical Assistance Centerexternal icon
  • National Institute of Mental Health: Affrontare Traumatico Eventsexternal icona
  • National Child traumatic Stress Networkexternal icona
  • la Preparazione alle Emergenze e Si
  • Storie vere – Riunificazione Piani
  • Pratica Parametro di Emergenza Preparednessexternal icona
  • L’Impatto Emotivo di Disastri sui Bambini e le Famiglie pdf iconexternal icona
  • American Academy of Pediatrics: Bambini & Disastersexternal icona
  • Federal Emergency Management Agency: Affrontare Disastersexternal icona
  • Aiutare i Figli ad Affrontare Durante e Dopo un Uragano: Una risorsa per i genitori e gli operatori sanitari pdf icon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.