Si prega di contribuire a sostenere la missione del Nuovo Avvento e ottenere il contenuto completo di questo sito come un download immediato. Include l’Enciclopedia cattolica, Padri della Chiesa, Summa, Bibbia e altro ancora — il tutto per soli $19.99…

Storico bizantino, figlia maggiore di Alessio Comneno, imperatore di Costantinopoli (1081-1118). Nacque nel 1083 e ricevette, come era consuetudine per le principesse bizantine, un’eccellente educazione nei classici greci, nella storia, nella geografia, nella mitologia e persino nella filosofia. Era sposata con Niceforo Bryennius, figlio di un ex pretendente alla carica imperiale, e nel 1118 si unì in una cospirazione per mettere il marito sul trono. Fallendo nella sua ambizione si ritirò con la madre, l’imperatrice Irene, in un monastero che quest’ultima aveva fondato, e vi scrisse in quindici libri il suo famoso “Alexias”. Fu terminato nel 1148, e descrive la carriera del padre, dal 1069 alla sua morte nel 1118; è quindi una continuazione dei “Materiali storici” del marito, che scende al 1079. La Principessa è lo storico delle fortune della famiglia Comneni. Le sue osservazioni sono spesso preziose a causa della sua conoscenza personale e della stretta conoscenza degli affari pubblici che doveva al suo alto rango, ma ha anche fatto uso della corrispondenza diplomatica, dei rapporti dei generali e dei soldati di suo padre e degli archivi imperiali. I critici lodano la pienezza e la qualità della scelta delle sue informazioni storiche; sembra che sia arrivata al punto di utilizzare nel suo racconto di Roberto il Guiscardo una cronaca latina contemporanea, che è stata scritta probabilmente dall’arcidiacono di Bari. Allo stesso tempo sottolineano il carattere panegirico e ultra-filiale del suo lavoro, essendo formalmente dedicato alla fama e all’onore di suo padre. Come una vera bizantina guarda alle Crociate solo dal punto di vista stretto ed egoista di Costantinopoli, e detesta profondamente tutti i latini. La cronologia è difettosa. Ama descrivere scene di splendore, grandi azioni di stato, pubblico e feste, tutto ciò che è concreto e pittoresco. Né è contraria alla satira, ai pettegolezzi di corte e alla detrazione. Le questioni profunder, finanziarie, militari e costituzionali, sfuggono alla sua competenza. Conal, tuttavia, Krumbacher lo definisce “uno degli sforzi più notevoli della storiografia greca medievale”, la prima produzione notevole del Rinascimento greco medievale messa in piedi da Psellos e potentemente promossa dalla famiglia della principessa. Si sforza nel suo vocabolario per un’eleganza soffitta, anche se la costruzione e lo stile tradiscono troppo spesso la distanza tra lei e i modelli (Tucidide e Polibio) che si propone di imitare. Evita, come inadatto alla penna di uno storico, nomi stranieri rozzi e termini volgari. La sua precisione studiata in materia di ellenizzazione fa sì che le sue pagine assumano una sorta di aspetto simile a una mummia rispetto al vigoroso greco vivente del rapporto popolare contemporaneo.

Fonti

L’Alexias fu pubblicato per la prima volta da POSSINUS (Parigi, 1651;) P. G. CXXXI, 39-1244. La migliore edizione è quella del Corpus Script. Byz., I (Bonn, 1839); II (1878), con un latino transl. il commento di DUCANGE, ecc; KRUMBACHER, Gesch. d. byzant. Acceso. (2d ed., 1902), pp. 274-279. Egli parla di WALTER SCOTT conte Roberto di Parigi come “una riproduzione piuttosto sfortunato” del Alexias.

Informazioni su questa pagina

APA citation. Shahan, T. (1907). Anna Comnena. Nella Catholic Encyclopedia. New York: Robert Appleton Società. http://www.newadvent.org/cathen/01531a.htm

MLA citation. Shahan, Thomas. “Anna Comnena.”The Catholic Encyclopedia. Vol. 1. NY: Robert Appleton Company, 1907. <http://www.newadvent.org/cathen/01531a.htm>.

Trascrizione. Questo articolo è stato trascritto per New Advent da Paul T. Crowley. Dedicato al Cuore Immacolato.

Approvazione ecclesiastica. Nihil Obstat. 1 Marzo 1907. Remy Lafort, S. T. D., Censore. Imprimatur. + John Cardinale Farley, Arcivescovo di New York .

Informazioni di contatto. L’editore di New Advent è Kevin Knight. Il mio indirizzo email è webmaster a newadvent.org. Purtroppo, non posso rispondere a tutte le lettere, ma apprezzo molto il tuo feedback, in particolare le notifiche sugli errori tipografici e gli annunci inappropriati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.