Popolazioni cellulari duali o multiple, indotte da chimere, sono state oggetto di numerosi studi. Questo fascino di lunga data per le chimere ha rivelato una buona dose di conoscenza sull’eredità umana. Sebbene storicamente la maggior parte delle chimere siano state causate da eventi naturali, alcune attuali terapie di intervento medico stanno aumentando il numero di situazioni che possono portare a una popolazione cellulare mista, cioè la condizione chimerica, negli esseri umani. Le terapie mediche come la trasfusione, il trapianto di cellule staminali, il trapianto di rene e l’inseminazione artificiale inducono chimere temporanee e talvolta permanenti. Tali presentazioni naturali o terapeuticamente indotte di chimerismo possono presentare problemi impegnativi al laboratorio di immunoematologia clinica per quanto riguarda l’interpretazione dei risultati e la successiva gestione del paziente. Lo scopo di questa recensione era quello di evidenziare alcuni di questi stati chimerici e ipotizzare come testare il DNA da vari tessuti possa causare apparenti discrepanze tra fenotipo e genotipo risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.