Dopo una rottura, le persone attraversano diverse fasi e diversi sapori di dolore. In questo articolo, spiegheremo quali sono le fasi del dolore dopo una rottura e come sono.

Fase 1: Stato di shock

Questo è l’inizio del dolore. In questa fase, la persona ancora non può crederci. È difficile per loro essere consapevoli della rottura e vedere qual è la loro nuova situazione. Emotivamente, durante la fase di shock c’è una mancanza di reazione. La persona si comporta come se nulla fosse accaduto, la vita come al solito.

La fase di negazione è molto più evidente nelle persone che sono state “lasciate.”È meno evidente nelle persone che” hanno lasciato.”Quello che sta succedendo è che, chiunque abbia deciso di rompere le cose ha già attraversato la fase di negazione e shock. Così, colui che prende il passo per rompere le cose ha già lavorato attraverso la nuova situazione, e non è in negazione.

Una volta che hanno aperto gli occhi alla rottura e possono visualizzare ciò che verrà dopo, poi arriva la fase successiva: negare la perdita.

“La fase di negazione è più evidente nelle persone che sono state “lasciate.”È meno evidente nelle persone che” hanno lasciato.”

Fase 2: Negare la perdita

All’interno delle fasi del dolore dopo una rottura, troviamo la negazione. Con questo, la persona è consapevole di ciò che ha perso, ma non vuole accettarlo. Si rifiutano di accettare che la relazione sia finita, e invece fantasticano di esserci di nuovo. Un tipico esempio di questa fase è divertente l ” idea che la rottura avrebbe potuto essere un errore o una decisione avventata.

Una mente nella fase di negazione si concentra sulla ricerca di modi per risolvere i problemi e riprendere la relazione. Questo stadio ha una funzione adattiva. Ti dà il tempo di” digerire ” la perdita e ti aiuta a continuare ad andare avanti con il lavoro e gli obblighi. A poco a poco, si diventa consapevoli dei cambiamenti che sono già accaduti, e accadrà.

Fase 3: Profonda tristezza

Durante questa fase, iniziano ad accettare e sperimentare ciò che la rottura significa per loro. La persona inizia ad essere consapevole di come la loro vita è cambiata e continuerà a cambiare. Ed è questo che crea una tristezza così profonda. Viene accompagnato da un modo negativo di vedere il mondo, il futuro e se stessi.

Ciò che è tipico di questa fase è una funzione psicologica in linea con la triade cognitiva di Beck. Ecco da dove provengono la profonda tristezza e i sintomi della depressione. La tristezza è un’emozione necessaria per accettare veramente la perdita. E ti aiuterà a connetterti con quello che è successo e iniziare a superare il dolore a poco a poco.

Stage 4: Blame

Delle fasi del dolore dopo una rottura, la fase di blame è una delle più tipiche. Cioè, la colpa non viene in modo così evidente quando con altri tipi di dolore. Ma dopo il dolore di una rottura, questa è una delle fasi più famose e complicate che affrontiamo.

La colpa ti fa ossessionare da ciò che avresti potuto fare o dire che avrebbe salvato la relazione. Meditare e ossessivamente pensare a ciò che ha causato la rottura può psicologicamente logorare la persona e creare grave ansia.

Prendere il 100% della colpa per una rottura è controproducente. E, soprattutto, è molto ingiusto. Le coppie sono una squadra composta da due persone, e la responsabilità di una rottura è sempre condivisa. Cerca di diffondere la colpa che senti. Consideralo come una responsabilità condivisa e indirizza la tua mente verso il futuro.

Stage 5: Anger

Una volta che smetti di sentirti come se fosse tutta colpa tua e puoi condividere la colpa di tutto ciò che è successo, inizierai a sentirti arrabbiato. La fase di rabbia è la più “benefica” o ” positiva.”Questo perché quando qualcuno o qualcosa ci fa arrabbiare, lo evitiamo e cerchiamo di farlo uscire dalle nostre vite. E tutto questo dopo un breakup…it e ‘ perfetto!

Perché la rabbia è la cosa migliore che può accadere a voi quando siete nel dolore dopo una rottura? Perché la rabbia, ben diretta, è una forza molto potente. In primo luogo, ti tiene lontano dalla persona che hai perso e questo è fondamentale per migliorare.

Essere in contatto con un ex durante le fasi del dolore rende le persone bloccate nella fase di colpa o tristezza. Che renderà difficile per loro di andare avanti.

In futuro potresti essere in grado di essere amici, ma non quando sei ancora nel dolore. Quindi la rabbia aiuta una persona a stare lontano dalle persone che li feriscono. Usa la tua rabbia per migliorare il tuo stato personale, per pensare di più a te e prendersi cura di te stesso. But…be attento! Non rimanere bloccato in questa fase. Se lo fai, la stessa rabbia che ti ha protetto si rivolterà contro di te.

Fase 6: Accettazione

Se hai sperimentato e usato in modo appropriato la rabbia, puoi passare alla fase di accettazione. Le emozioni in questa fase non sono completamente positive o gratificanti. Sono emozioni che ti aiutano a vedere cosa è successo come parte della storia della tua vita. Viene fornito con tutti i suoi alti e bassi.

“La colpa ti fa ossessionare da ciò che avresti potuto fare o dire che avrebbe salvato la relazione.”

Le persone nella fase di accettazione iniziano a fare i conti con quello che è successo. Iniziano a pensare a se stessi e concentrano la loro mente sul futuro, non sul passato o sulla perdita. L’accettazione è il percorso definitivo per migliorare dopo una rottura. Ci aiuta a pensare a creare un futuro da e per noi stessi.

Infine, è importante ricordare che le fasi del dolore dopo una rottura non sono lineari o correlative. Questo è qualcosa che notiamo soprattutto all’inizio del dolore. Cioè, più recente è la perdita, più mutevoli sono le fasi del dolore. Puoi passare dallo stadio 1 al 3 e poi dal 2 al 4.

Finché lavori attraverso la perdita e vivi attraverso il dolore, vedrai come farai meno passi indietro e più passi avanti. Non ti senti più insicuro e inizi a guardare al futuro con occhi nuovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.